Come evitare brutte sorprese se si noleggia una barca

0
255
noleggio barca

Chi non avrebbe voglia in questo momento di staccare tutto e partire verso mete inesplorate e godere di una vacanza libera dallo stress quotidiano.

Eppure, complice il delicato momento storico che viviamo, tutto questo sembra un sogno lontano; in realtà le cose non stanno propriamente così.

Molte persone infatti, complice anche dell’esperienza estiva da poco trascorsa, stanno decidendo di puntare sul noleggio di una barca per poter così salpare verso qualche meta esotica nel pieno rispetto delle norme sul distanziamento sociale.

Se si decide di trascorrere le vacanze a bordo di una barca, bisogna però prestare attenzione ad una serie di punti essenziali.

Abbiamo pertanto creato un elenco di consigli validi per evitare possibili inconvenienti.

A cosa bisogna fare attenzione

La prima cosa da fare ovviamente è procurarsi l’imbarcazione: a questo proposito puoi affittare una barca a Salerno, e partire alla volta di mete anche non troppo lontane come Grecia, Spagna o isole Canarie.

Per una sicura e ben organizzata vacanza in barca occorre per prima cosa avere delle persone competenti in navigazione.

Sia per la navigazione che per le manovre di ancoraggio è sufficiente la presenza di una persona competente, mentre per le manovre di porto occorrono due o tre persone esperte.

Si deve verificare che tutto l’equipaggiamento funzioni, che il pilota automatico sia perfettamente funzionante, che il motore una volta acceso non emetta il fumo dello scappamento di colore azzurrino perché vorrebbe significare che mangia olio.

Allo stesso modo bisogna verificare che l’acqua di raffreddamento esca con una certa regolarità e che innescando le marce della barca non vi siano problemi.

Occorre controllare lo stato di usura delle vele, poi vanno srotolate ed arrotolate per verificare che non vi siano impedimenti.

Le stesse verifiche vanno fatte per la randa. Per quanto riguarda la linea di ancoraggio, che deve risultare adeguata alla barca e alle profondità marine, bisogna stare molto attenti al tipo di ancora, al suo peso, al diametro e lunghezza della catena e all’efficienza del salpancora.

La tecnologia della cartografia può sicuramente essere utile in navigazione, ma bisogna verificare con cura la presenza di carte particolareggiate sulla zona di navigazione.

Tra le varie app utili per la barca, in quanto capaci di dare indicazioni circa ancoraggio, mappe e appunti sulle attività a bordo, vanno citate ad esempio: Navionics, Anchor alert, Boat note e Compass Galaxy.

Prima di firmare l’inventario occorre leggere con molta attenzione e farsi spiegare dal noleggiatore i punti salienti di cui si compone.

Il contratto di locazione della barca va letto bene, specie in merito alle responsabilità.

In caso di avaria nel periodo di locazione si ha il fermo forzato dell’imbarcazione e quindi si ha diritto ad un rimborso.

Inoltre, dopo aver fatto l’inventario e le verifiche sullo stato dell’imbarcazione il locatario deve restituire la cauzione.

Se si verifica un guasto al motore occorre scrivere un’e-mail al noleggiatore e poi contattarlo telefonicamente.

Dopo aver fatto il possibile per non far aggravare un’improvvisa avaria, è importante scattare molte foto del danno da inviare poi alla compagnia di noleggio.

Considerando che gli attrezzi in dotazione alla barca in noleggio non sono tanti, occorre stabilire cosa conviene portare a bordo da casa.

I prodotti farmaceutici sono molto importanti, la presenza di una torcia o una lampada in più non gusta.

La barca noleggiata va restituita entro il giorno e l’ora prevista oppure scatta una penale. Per cui nel caso che si prevede un ritardo è fondamentale avvisare la società di noleggio e stabilire un nuovo accordo.

Infine, in merito all’assicurazione sull’annullamento, va detto che si tratta di una garanzia per premunirsi in caso dell’insorgere di un imprevisto.

Tra le clausole di tale assicurazione vi sono le cause di forza maggiore del richiedente ossia la malattia o il decesso e le cause di forza del locatario per i casi di affondamento o gravi danni alla barca.